• Home  /
  • News   /
  • DOMENICO DE MARCO, MICHELE CARRELLI E TONINO LEONE ALLA MARATONA DI NEW YORK

DOMENICO DE MARCO, MICHELE CARRELLI E TONINO LEONE ALLA MARATONA DI NEW YORK

Alla Maratona di New York che si è disputata domenica 5 novembre 2017, 3002 gli italiani che hanno partecipato e hanno rappresentato la seconda comunità più numerosa dopo gli statunitensi e tra i Top runners azzurri la bergamasca Sara Dossena, la genovese Emma Quaglia e il campione del mondo di corsa in montagna il 25enne di Guanzate (Como) Francesco Puppi.

La corsa della “Grande Mela”, la maratona più partecipata al mondo, organizzata dalla New York Road Runners, giunta quest’anno alla sua 47^ Edizione, ha coperto i cinque Distretti di New York City a cominciare da Staten Island vicino al ponte di Verrazzano-Narrows, Brooklyn, Queens il più grande, Manhattan il più piccolo e il Bronx.

La maratona di New York attrae atleti provenienti da tutto il mondo sia professionisti che amatoriali ed è la più famosa e attesa, la più presa di mira dai podisti di ogni ordine e grado che sognano di gareggiare almeno una volta nella vita o sperano anno dopo anno di ritornare a correrla.

Tra i 53.000 podisti giunti all’arrivo in Central Park anche tre atleti portacolori della Podistica Avis Campobasso. Si tratta di Domenico De Marco che ha impiegato 3 ore 39 minuti e 22 secondi per completare i 42 chilometri e 195 metri, Michele Carrelli 4:14’14” il suo crono e Tonino Leone che ha chiuso la gara in 4:53’51”.

I tre atleti avisini sono stati accompagnati in questa indimenticabile esperienza anche da altri tre atleti campobassani, Angelo Di Domizi della Atletica Molise Amatori, Gennaro Cefalo e Antonio Leone Runcard che hanno impiegato rispettivamente 4:53’51”, 5:29’29” e 3:58’01” per raggiungere l’arrivo in Central Park.  

Per loro una esperienza che ricorderanno per tutta la vita perché per un maratoneta, correre a New York, dove il supporto del pubblico è sempre vivo e rumoroso, è il coronamento di un sogno, una esperienza da provare e gustare.

Di sicuro, in quei dieci secondi di vita goduti prima dell’arrivo, avranno provato una sensazione che non si avvertirà mai più nella loro vita.

Per la cronaca la gara è stata vinta in campo maschile dal Keniano Geoffrey Kamworor con il tempo di 2:10’53”, secondo Wilson Kipsang in 2:10’56”, terzo Lelisa Desisa in 2:11’32”.

In quello femminile la vittoria è andata alla statunitense Shalane Flanagan con il tempo di 2:26’53”, seconda la Keniana Mary Keitany che ha chiuso con il crono di 2:27’53”, terza Mamitu Daska in 2:28’08”.

Grande prova dell’azzurra Sara Dossena giunta 6^ assoluta con il riscontro cronometrico di 2:29’39 ma anche di Emma Quaglia che ha chiuso la gara in 14^ posizione con il tempo di 2:34’10” e di Francesco Puppi 19° assoluto e 4° europeo con il crono di 2:25’35”.

C9lli